Ubi Sapientia est, Pax et Iustitia regnant

I nostri orari di apertura sono: dal martedi al sabato dalle 9 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 19, domenica e lunedi chiuso.
Tempo di uccidere
Autore: Ennio Flaiano
Editore: Adelphi
Argomento: Romanzi da non perdere
Prezzo: € 19,00
Giudizio utenti:
(
0/5
con 0 voti
)
Il primo romanzo a vincere il Premio Strega nel ’47, superando autori come Carlo Levi,  Giuseppe Berto ed Elio Vittorini. Un capolavoro. Per non dimenticare dove anche noi Italiani abbiamo nascosto le nostre peggiori colpe. Vittorio Campana

«Quando la campagna sarà finita non po­chi si precipiteranno a scrivere dei libri» annota Flaiano nel febbraio del 1936, men­tre, sottotenente del Genio, partecipa alla guerra d’Etiopia. «Già immagino il con­tenuto e i titoli: “Fiamme nel Tigrai”, “Africa te teneo”, “Tricolore sull’Amba”!». Non a caso, attenderà dieci anni prima di rica­vare da quella sofferta esperienza – fatta di sete e stanchezza, caldo e paura – un ro­manzo. Un romanzo sconcertante, tanto più in pieno clima neorealista, che ha come sfondo non la «terra ideale dei films Para­mount», ma il paese triste, ingrato, ambi­guo, sfuggente delle iene (e che dunque cela di necessità «qualcosa di guasto»), e al centro una vicenda «assolutamente fan­tastica»: un delitto futile e fatale, che scate­na in chi l’ha commesso un corrosivo deli­rio. E gli trasmette il morbo di un «impe­ro contagioso», di un senso di colpa in­scindibile dal rancore, di una pietà com­mista a disprezzo per un mondo ignoto, l’Africa – «lo sgabuzzino delle porcherie», dove gli occidentali vanno «a sgranchirsi la coscienza».
Le vostre recensioni
Scrivi la tua recensione
Il tuo voto  





P.IVA 01640430243