Ubi Sapientia est, Pax et Iustitia regnant

Penso parlo posto
Autore: C. Cubeddu - F. Taddia.
Editore: Il Castoro
Argomento: Narrativa dai 9 anni
Prezzo: € 12,50
Giudizio utenti:
(
0/5
con 0 voti
)
Partendo dal “Manifesto per la comunicazione non ostile” dell’associazione Parole O_Stili, questo volume ci fa riflettere sull’uso delle parole, su come cambia il nostro rapporto con le persone in base alle parole che usiamo, sia sui social che nella vita reale. Siamo noi che scegliamo chi vogliamo essere per gli altri! Enrica Lago

Cosa c’è di male se su Internet uso un’identità falsa? Se online viene detta una bugia su una mia amica, cosa devo fare? Come riconosco una fake news? Bisogna essere gentili anche con gli haters?
Un libro che, partendo dal Manifesto della comunicazione non ostile dell’associazione Parole O_Stili, introduce a un percorso pratico per rivoluzionare il linguaggio online e offline, e a costruire una comunicazione più eticamente corretta e consapevole per il domani.
Una guida ricca di illustrazioni, fumetti, schemi, domande ed esempi reali per mettersi in discussione e cambiare il mondo, una parola alla volta!
Fake news, hater e cyberbullismo sono termini ormai entrati nel vocabolario comune. Soprattutto in quello dei ragazzi, che sono molto spesso le prime vittime dell’uso improprio dei mezzi virtuali. Partendo dal “Manifesto della comunicazione non ostile” dell’associazione Parole O_Stili, questo libro tratta tutti i nodi della comunicazione online e offline. Attraverso schemi, domande, spunti ed esempi su come affrontare le situazioni più frequenti, questo libro vuole porsi come testo di riferimento per i ragazzi, ma anche per genitori e educatori.
Carlotta Cubeddu è formatrice, redattrice ed è tra i fondatori dell’associazione onlus Scioglilibro, che si occupa di promozione della lettura, animazioni, formazione agli insegnanti.
Federico Taddia, giornalista, autore e storyteller. Ha condotto Screensaver su Rai3, Nautilus e Terza Paginasu Rai Cultura, L’Altrolato su Radio2, L’altra Europa, Terra in vista e Padrieterni su Radio24. Collabora ai testi di Fiorello e con il programma DiMartedì, scrive su “Topolino”, “La Stampa” e il supplemento culturale “Origami”. È autore dei libri Mamma posso farmi il piercing? con Federica Pellegrini, Perché le stelle non ci cadono in testa? e Nove vite come i gatti scritti con Margherita Hack, Perché siamo parenti delle galline? e Il maschio è inutile, scritti con Telmo Pievani. Con Teste Toste ha vinto il premio Andersen per la miglior collana di divulgazione scientifica. 
Le vostre recensioni
Scrivi la tua recensione
Il tuo voto  





P.IVA 01640430243