Ubi Sapientia est, Pax et Iustitia regnant

Le figlie del dragone
Autore: William Andrews
Editore: Beat
Argomento: Storie Vere
Prezzo: € 18,00
Giudizio utenti:
(
0/5
con 0 voti
)
La Corea del Sud che oggi conosciamo non rivela le cicatrici indelebili che l’occupazione trentennale Giapponese le ha lasciato. La storia delle donne di conforto coreane è fra le più tristi da raccontare e William Andrews lo fa in modo fedele e molto avvincente. Un romanzo commovente e istruttivo per conoscere una parte di storia che non va dimenticata. Veronica Manfrotto

Nata in Corea e adottata da una coppia di americani quando aveva solo cinque mesi, la ventenne Anna Carlson non ha mai avvertito il desiderio di cercare la donna che la ha messa al mondo. Ma dopo la morte di Susan, la sua madre adottiva, Anna sente la necessità di raggiungere la Corea per conoscere le sue origini.
Nell’orfanotrofio di Seoul in cui la giovane si reca per avere notizie del suo passato, tuttavia, la attende un’amara verità: sua madre è deceduta vent’anni prima, nel darla alla luce.
Pronta a ripartire senza le risposte che cercava, Anna viene avvicinata da un’anziana con i capelli grigi legati in una treccia, che le mette in mano un pacchettino. All’interno c’è un foglio con un indirizzo di Seoul, scritto in un corsivo elegante, e un pettine in cui è intagliato un drago con il dorso d’oro massiccio. Qual è il significato di un dono tanto prezioso?
Recandosi all’indirizzo scritto sul foglio, Anna non solo scoprirà che la donna, Hong Jae-hee, è la sua nonna materna, ma verrà a conoscenza della sua drammatica storia.
Una storia che ha inizio nel 1943, quando Hong Jae-hee e la sorella maggiore, Soo-hee, vengono reclutate dall’esercito giapponese per lavorare in una «casa di conforto», dove diventano ianfu, «donne di conforto», ovvero prostitute, schiave sessuali dei soldati giapponesi. Resistere all’orrore diventerà, per le due sorelle, l’unico modo per sopravvivere…
Affrontando un argomento quasi sconosciuto, la tragedia delle donne di conforto coreane al servizio dei soldati giapponesi, William Andrews racconta una struggente storia di dolore, coraggio e speranza.
Le vostre recensioni
Scrivi la tua recensione
Il tuo voto  





P.IVA 01640430243