Ubi Sapientia est, Pax et Iustitia regnant

La biblioteca di Parigi
Autore: Janet Skeslien Charles
Editore: Garzanti
Argomento: Lettori curiosi
Prezzo: € 17,90
Giudizio utenti:
(
0/5
con 0 voti
)
Parigi 1940; i rumori della guerra non sono ancora arrivati in Francia e la vita dei nostri originali personaggi scorre tranquilla in mezzo agli scaffali e ai tavoli dell’American Library; in sottofondo le parole sussurrate dei grandi protagonisti della letteratura. Odile è nervosa, deve fare un colloquio con la signorina Reeder la direttrice di quella che è considerata una delle più grandi e importanti biblioteche del mondo. Odile ama i libri, ama il fruscio delle pagine sfogliate, il loro odore che considera il più buono del mondo. E ci tiene moltissimo a questo lavoro: i libri sono i suoi amici fedeli.
Questo romanzo prende ispirazione da fatti realmente accaduti e ci racconta una storia appassionante, carica di emozioni e di colpi di scena: una battaglia tenace per difendere il diritto di leggere, per salvare la cultura dal buio della guerra. Una bellissima storia sul potere salvifico dei libri. Lavinia Manfrotto


Parigi, 1940. I libri sono la luce. Odile non riesce a distogliere lo sguardo dalle parole che campeggiano sulla facciata della biblioteca e che racchiudono tutto quello in cui crede. Finalmente ha realizzato il suo sogno. Finalmente ha trovato lavoro in uno dei luoghi più antichi e prestigiosi del mondo. In quelle sale hanno camminato Edith Wharton ed Ernest Hemingway. Vi è custodita la letteratura mondiale. Quel motto, però, le suscita anche preoccupazione. Perché una nuova guerra è scoppiata. Perché l’invasione nazista non è più un timore, ma una certezza. Odile sa che nei momenti difficili i templi della cultura sono i primi a essere in pericolo: è lì che i nemici credono che si annidi la ribellione, la disobbedienza, la resistenza. Nei libri ci sono parole e concetti proibiti. E devono essere distrutti. Odile non può permettere che questo accada. Deve salvare quelle pagine, in modo che possano nutrire la mente di chi verrà dopo di lei, come già hanno fatto con la sua. E non solo. La biblioteca è il primo luogo in cui gli ebrei della città provano a nascondersi: cacciati dalle loro case, tra i libri si sentono al sicuro, e Odile vuole difenderli a ogni costo. Anche se questo significa macchiarsi di una colpa che le stritola il cuore. Una colpa che solo lei conosce. Un segreto che, dopo molto tempo, consegna nelle mani della giovane Lily, perché possa capire il peso delle sue scelte e non dimentichi mai il potere dei libri: luce nelle tenebre, spiraglio di speranza nelle avversità.
Le vostre recensioni
Scrivi la tua recensione
Il tuo voto  





P.IVA 01640430243