Ubi Sapientia est, Pax et Iustitia regnant

Martedì 2 giugno 2020, in occasione della Festa della Repubblica italiana, la libreria rimarrà chiusa.
Il sale della terra
Autore: Jeanine Cummins
Editore: Feltrinelli
Argomento: Romanzi da non perdere
Prezzo: € 18,00
Giudizio utenti:
(
0/5
con 0 voti
)
Già dalle prime righe questo libro ti toglie il fiato, ti avvolge, non lo lasci più. Non te la senti proprio di abbandonare Lydia e suo figlio in questa fuga coraggiosa  e disumana verso il confine, si perché Luca è tutto ciò che le rimane al mondo. E quando arrivi all'ultima pagina hai la sensazione di essere stato sopra quel treno, di aver camminato nel deserto, di avere avuto tanta paura e sofferto con in mano un pezzo del loro cuore, della loro vita e del loro coraggio. Strepitoso! Anna Bertoncello

Dici Acapulco e pensi a spiagge di sabbia finissima, mare cristallino e palme accarezzate dalla brezza. Ma oggi la perla del Pacifico è molto diversa dall’immagine da cartolina usata per attirare i turisti. Il narcotraffico si è insinuato in città e gli omicidi sono all’ordine del giorno. Ad Acapulco vive Lydia, che si divide tra il lavoro in libreria e la famiglia costruita con il marito Sebastián, giornalista, e il figlioletto Luca, otto anni e un’intelligenza fuori dal comune. Quello che Lydia non si aspetta è che la sua esistenza venga sconvolta da un giorno all’altro, quando un commando di uomini armati irrompe alla festa di compleanno della nipote e stermina tutti i suoi cari. Nascosti in bagno, solo Lydia e Luca si salvano dalla carneficina, e per loro inizia una fuga estenuante. Rimanere in Messico equivale a morte certa, ma per non farsi rintracciare dal boss che ha ordinato il massacro bisogna evitare le strade più battute e i normali mezzi di trasporto. Così, a madre e figlio non resta altro da fare che prendere la via dei migranti: le centinaia di famiglie che ogni giorno fuggono dai paesi dell’America centrale, devastati dalle bande criminali, e attraversano il Messico nella speranza di raggiungere il confine con gli Stati Uniti. Questo significa anche salire sulla Bestia, il treno merci su cui i migranti si arrampicano al volo rischiando di finire stritolati. Mentre tentano di saltare a bordo, Lydia e Luca incontrano due sorelle, Soledad e Rebeca, scappate dall’Honduras, e i quattro iniziano a viaggiare insieme. Affronteranno la difficile traversata del deserto, conosceranno altri migranti, disposti ad aiutarli o pronti ad approfittarsi di loro, e cercheranno di conservare la propria umanità in un’esperienza che di umano ha ben poco. Ma è davvero possibile raggiungere il confine? I sicari li troveranno? E cosa ha scatenato la furia del boss che li vuole morti?
Jeanine Cummins è autrice di quattro romanzi ancora inediti in Italia e vive a New York.
“È da molto tempo che non giravo le pagine così veloce… Il suo viaggio è una testimonianza del potere della paura e della speranza.” John Grisham
“Una lettura fondamentale per i nostri tempi.” Tracy Chevalier

Le vostre recensioni
Scrivi la tua recensione
Il tuo voto  





P.IVA 01640430243