Ubi Sapientia est, Pax et Iustitia regnant

Binario sette
Autore: Louise Doughty
Editore: Bollati Boringhieri
Argomento: Gialli e thriller
Prezzo: € 17,50
Giudizio utenti:
(
0/5
con 0 voti
)
Thriller psicologico molto particolare: la protagonista è Lisa Evans, o meglio, il suo fantasma! Lisa è morta, una notte sul binario sette, travolta da un treno. Ma la usa anima non avrà pace finché ogni dubbio sulla sua morte non sarà chiarito. Perché Lisa non voleva morire. Lavinia Manfrotto

Stazione di Petersborough, binario Sette, quattro del mattino: Lisa Evans è determinata a capire perché si ritrova in quel luogo deserto. Perché è lì? Lisa non se lo ricorda. Però una cosa la sa: lei è morta, ed è morta lì, investita da un treno al binario Sette. ma come siano davvero andate le cose, Lisa non riesce a capirlo. Nella solitudine della notte, assiste a un altro «incidente»: un uomo solo, anch’egli travolto da un treno di passaggio. Lo choc fa riaffiorare, un tassello dopo l’altro, le vicende e le persone del suo passato. Su tutte, Matthew, il fidanzato. Medico affascinante e premuroso, Matthew è andato a vivere con lei dopo poche settimane di appuntamenti romantici e passionali. I suoi genitori lo adorano, è quello giusto. Potrebbe essere la relazione perfetta solo che, come spesso accade, non lo è. Matthew arriva sempre in ritardo, ma detesta quando lo fa Lisa. Le dice che lei è solo sua, ed è ossessionato dai suoi fidanzati passati, per scherzo. Le controlla il cellulare e conosce le sue password. Tanto per provare, quando sono a letto insieme, le chiede di fingere di essere morta. Giorno dopo giorno, un senso di soffocamento e allo stesso tempo di colpa si insinua nella vita di Lisa. C’è qualcosa che non funziona, ed è sicuramente lei il problema. A meno che non sia Matthew.
Mentre il ricordo della relazione si fa sempre più vivido, una domanda tormenta Lisa: si è suicidata su quel binario, o qualcuno l’ha spinta sotto al treno? Perché il suo spirito continua a vagare per la stazione, come se avesse qualcosa di irrisolto da portare alla luce prima di potersi abbandonare in pace all’eternità? Tra le vicende dei frequentatori abituali della stazione, che può osservare dalla sua postazione privilegiata, e le immagini che le tornano alla mente, Lisa capisce di non essere sola, e che può ancora fare qualcosa per riportare a galla la sua terribile verità.
Binario Sette è insieme un page turner e un’indagine sui risvolti oscuri che avvolgono relazioni apparentemente «normali». Con il passo di un thriller, Louise Doughty ci accompagna in un viaggio alla scoperta della presenza del mistero nei luoghi più insospettabili.
Louise Doughty, pluripremata autrice di racconti e drammi radiofonici, critica letteraria tra gli altri, anche per la BBC, è autrice di numerosi romanzi. Il suo più grande successo, Fino in fondo (Bollati Borlinghieri, 2014) è stato finalista al Specsaevers National Book Award come thriller dell'anno. Nel nome di mia figlia (Bollati Borlinghieri, 2016) è stato finalista al Costa Novel Award e all'Orange Prize For Fiction.


 
Le vostre recensioni
Scrivi la tua recensione
Il tuo voto  





P.IVA 01640430243