Ubi Sapientia est, Pax et Iustitia regnant

Sabato 15 agosto 2020 la libreria rimarrà chiusa. Buon Ferragosto, vi aspettiamo da martedì 18 con i consueti orari.
Bestia da latte
Autore: Gian Mario Villalta
Editore: SEM
Argomento: Romanzi da non perdere
Prezzo: € 16,00
Giudizio utenti:
(
0/5
con 0 voti
)
Gian Mario Villalta racconta la sua storia di bambino e ci porta indietro nel tempo, a quello che è stato anche il nostro mondo. Nella onestà con cui descrive la sua infanzia e analizza le sue sensazioni di ragazzo, noi rivediamo la nostra, di infanzia, seppur diversa dalla sua; e ci riconosciamo in quelle sensazioni, anche se non ci appartengono. E inevitabilmente proviamo nostalgia per quel tempo, per certi versi tanto crudo e duro, ma che ci ha cresciuti negli uomini e donne che siamo. Lorenza Manfrotto

Vengono da un mondo lontano i ricordi che si sprigionano nella mente del protagonista di questo romanzo nel momento in cui apprende della morte di uno zio un tempo molto amato e poi altrettanto detestato. Per la precisione – se poi davvero precisi possono essere i ricordi dell’infanzia – vengono da un piccolo paese del Nordest, durante gli anni Sessanta, quando la coda del boom economico inizia a cambiare le abitudini e i comportamenti. È l’epoca in cui «le stalle hanno cominciato a puzzare» e «gli animali – così come la terra – sono diventati materia per la produzione industriale». Ma a tornare alla mente del protagonista sono soprattutto i momenti vissuti insieme al cugino Giuseppe. Perché è proprio il complesso rapporto fra i due a segnare, forse più di ogni altra cosa, la sua infanzia. Un rapporto fatto di grande complicità ma anche di violenza e di paura: sentimenti, questi, che non lo hanno più abbandonato, né mai è riuscito a sciogliere nella loro aggrovigliata natura. Oggi, il bambino di allora, arrivato alla soglia dei sessant’anni, si chiede le ragioni di quella violenza sorda, cupa, marcio frutto di altra violenza. E si chiede se la sua vita, senza quelle vicende ormai lontane, sarebbe stata diversa. Gian Mario Villalta, narratore, saggista, poeta tra i più significativi della nostra letteratura, con Bestia da latte scrive un romanzo intenso e potente, una storia di famiglia e insieme di formazione, capace di far vibrare le corde più intime e sensibili dei lettori.
Gian Mario Villalta ha scritto romanzi, racconti e saggi (il più recente: L’isola senza memoria, Laterza 2018). Fin dagli esordi, partecipe delle vicende poetiche alla svolta del secolo, ha dedicato particolare attenzione all’opera di Andrea Zanzotto, con una monografia e numerosi interventi, collaborando inoltre al “Meridiano” Le poesie e prose scelte e assumendo la cura dei due volumi degli Scritti sulla letteratura. I suoi libri di poesia più recenti sono Vanità della mente, 2011 (Premio Viareggio) e Telepatia, 2016 (Premio Carducci). È direttore artistico di pordenonelegge.
Le vostre recensioni
Scrivi la tua recensione
Il tuo voto  





P.IVA 01640430243