Ubi Sapientia est, Pax et Iustitia regnant

Non ti faccio niente
Autore: Paola Barbato
Editore: Piemme
Argomento: Gialli e thriller
Prezzo: € 17,50
Giudizio utenti:
(
5/5
con 1 voti
)
Per inchiodarti, "Non ti faccio niente", ti inchioda alla lettura fino all’ultima riga. Perciò, come thriller, fa pienamente il suo dovere. Però c’è di più: nel plot aghiacciante i personaggi sono molto plausibili, descritti in modo quasi iperrealista,  e le locations dimostrano una notevole conoscenza della società italiana fin nel suo vivere quotidiano. Davvero una piacevole scoperta. Arturo Moro

L'ho atteso a lungo, il nuovo romanzo di Paola Barbato, come molti suoi lettori, colpiti prima da "Bilico" e poi dal magistrale "Mani nude". "Non ti faccio niente" conferma le qualità dell'autrice, con una trama dal ritmo serrato e personaggi descritti mirabilmente. Un thriller mozzafiato in cui il confine fa bene e male è così labile da venire messo in discussione. Non è vero che "non ti fa niente", questo libro ti prende e non riesci a staccartene, fino alla fine. Bentornata, Paola! Francesco Nicolli

1983. L'uomo seduto nella macchina blu è nuovo di quelle parti, ma Remo non ha paura, non sa che cosa sia un estraneo. L'uomo ha tra le mani un passerotto caduto dal nido, almeno così dice, e chiede a Remo di aiutarlo a prendersene cura. Il bambino, sette anni passati quasi tutti per strada, che i genitori hanno altri pensieri, non esita neppure per un attimo. E sale. Tre giorni dopo viene restituito alla famiglia, illeso nel corpo e nell'anima; racconta di un uomo biondo, bellissimo, che lo ha riempito di regali e che ha giocato con lui, come nessun adulto aveva mai fatto. Non è la prima volta che succede e non sarà l'ultima. Trentadue bambini in sedici anni. Tutti tenuti per tre giorni da un uomo che cerca di realizzare i loro desideri e li restituisce alla famiglia, felici. Quando la polizia comincia a collegare i rapimenti lampo, l'uomo scompare.
2015. Il padre di Greta non è mai arrivato una sola volta in ritardo a prenderla. Ma lo sgomento negli occhi della maestra gli fa capire che qualcosa non va, perché Greta a scuola non è mai entrata. Scompare così, la figlia di Remo Polimanti, come lui era scomparso trent'anni prima. Anche lei viene subito restituita alla famiglia, ma priva di vita. Greta non è che la tappa iniziale di una scia di sangue che collega i figli dei bambini rapiti anni prima. Ma perché il rapitore "buono" si è trasformato in un assassino? O forse c'è qualcuno che intende emularlo. O sfidarlo. O punirlo.

In un'inquietante e tormentata danza di ombre e luci, Paola Barbato ci conduce fin dentro le nostre paure più grandi, facendo sanguinare ferite mai guarite davvero.
Paola Barbato, classe 1971, milanese di nascita, bresciana d'adozione, prestata a Verona dove vive con il compagno, tre figlie e tre cani. Scrittrice e sceneggiatrice di fumetti, tra cui Dylan Dog, ha pubblicato tre romanzi thriller per Rizzoli, Bilico, Mani nude (vincitore del Premio Scerbanenco), Il filo rosso. Ha scritto il soggetto e co-sceneggiato per la Filmmaster la fiction Nel nome del male, con Fabrizio Bentivoglio, per la regia di Alex Infascelli. Nel mese di settembre 2016 ha pubblicato su Wattpad il romanzo Non ti faccio niente, riscuotendo grande successo tra gli utenti.
Le vostre recensioni
Scrivi la tua recensione
Il tuo voto  





P.IVA 01640430243