Ubi Sapientia est, Pax et Iustitia regnant

Non luogo a procedere
Autore: Claudio Magris
Editore: Garzanti
Argomento: Romanzi da non perdere
Prezzo: € 20,00
Giudizio utenti:
(
5/5
con 1 voti
)

Un’importante lezione di Magris sulla memoria e sul valore di non dimenticare. L’autore triestino consegna ai lettori l’ennesima opera di alto livello letterario, storico, biografico, sociale. Difficile restare indifferenti alle pagine dedicate alla Risiera di San Saba. Tema ossessivo e motore di tutto è la Guerra. Vittorio Campana

In questo romanzo violento, tenero e appassionato, Claudio Magris si confronta con l'ossessione della guerra di ogni tempo e paese, quasi indistinguibile dalla vita stessa: una guerra universale, rossa di sangue, nera come le stive delle navi negriere, cupa come il mare che inghiotte tesori e destini, grigia come il fumo dei corpi bruciati nel forno crematorio della Risiera di San Sabba, bianca come la calce che copre il sepolcro. Non luogo a procedere è la storia di un grottesco Museo della Guerra per l'avvento della pace, delle sue sale e delle sue armi, ognuna delle quali racconta vicende di passione e delirio; è la storia dell'uomo che sacrifica la vita alla sua maniacale costruzione, per riscattarsi alla fine nell'accanita ricerca di un'orribile verità soppressa; è la storia di una donna, Luisa, erede dell'esilio ebraico e della schiavitù dei neri. Con una narrazione totale e frantumata, precisa e insieme visionaria, Magris scava con ferocia nell'inferno spietato delle nostre colpe, e racconta l'epos travolgente di tragedie e silenzi dell'amore e dell'orrore.


Claudio Magris è nato a Trieste nel 1939. Docente universitario, collabora al «Corriere della Sera». Tra le sue opere, nel catalogo Garzanti sono presenti Dietro le parole (1978), Itaca e oltre (1982), Illazioni su una sciabola (1984), Danubio (1986), Stadelmann (1988), Un altro mare (1991), Microcosmi (1997, Premio Strega), Utopia e disincanto (1999), La mostra (2001), Alla cieca (2004), La storia non è finita (2006), Lei dunque capirà (2006), Alfabeti (2008) e Teatro (2010).


 

Le vostre recensioni
Scrivi la tua recensione
Il tuo voto  





P.IVA 01640430243